ASI. Con il vento in poppa

Si è chiusa con ottimi risultati la 2^ edizione del Campionato Nazionale ASI di Vela Match Race – Asiadi della Vela – organizzato dall’Asd Vivila Sailing Team con il Patrocinio del Comune di Caorle. La formula del match race ha coinvolto e divertito tutti i team che nello scorso weekend si sono sfidati a bordo dei monotipo Meteor regalando bellissime emozioni ai partecipanti ed agli spettatori che hanno assistito allo spettacolo dal mare.
Svariati Round Robin per aggiudicarsi l’ambito titolo sfruttando la strategia e la tattica del match ed utilizzando con astuzia ed attenzione le sue regole. Questi gli ingredienti principali della sfida che ha visto vincitore il Team Defender con la presenza a bordo di Mauro Zanin, Francesco Zanetti e Francesco Nasato già detentore del titolo nella scorsa edizione. Complimenti anche a tutti gli altri equipaggi che hanno dimostrato grande competizione e voglia di vincere: 2º classificato il Team composto da Fiorenzo Veronese, Ivan Drigo e Mattia Castelletto, 3º classificato il Team di Rudi Minon, Daniela Coletto e Davide Filippi. A seguire al 4º posto, l’equipaggio tutto al femminile di Anna Maria Da Dalto, Arianna Morandin e Lara Piva, al 5º posto il Team di Eros Zanella, Manfredi Di Francesco e Paola Tarchi e per finire chiudono la classifica le ragazze del Team Pradal, Alessandra Pradal, Sonya Vaccaro e Daniela Peruzzetto.

Le premiazioni si sono svolte in Piazzale Portesin con l’Assessore allo Sport Mattia Munerotto che ha apprezzato l’iniziativa dimostrando grande interesse ed appoggio verso l’attività svolta dal Vivila Sailing Team. Presenti anche Lauro Catto, Presidente dell’Associazione Proprietari di Porto Santa Margherita e Giuseppe Rossetti, responsabile del Settore ASI Vela: “Ho visto in questa edizione tantissima buona volontà da parte degli organizzatori”, spiega Giuseppe Rossetti. “Lavoriamo, come ASI Vela, per allargare il più possibile questo campionato sia in termini di equipaggi che di location. Sappiamo che spostarsi in altre regioni comporta per i velisti l’onere, molto costoso, di trasportare gli scafi. Per la prossima edizione, con la sinergia del Comune e dell’associazione degli albergatori locali, vorremmo rendere meno gravosa in termini economici la partecipazione degli atleti. Questo, anche offrendo una piccola “flotta” di barche per i velisti in trasferta. Un ringraziamento è doveroso, oltre che all’organizzazione e al Comune, anche ad Andrea Boscolo, membro della Commissione Tecnica di ASI Vela”.

 

Parte il Campionato Nazionale ASI di Vela Match Race

Il Porto Santa Margherita di Caorle sarà il palcoscenico, dal 10 al 12 giugno, del Campionato Nazionale di Vela Match Race su imbarcazioni monotipo Meteor organizzato dal Settore Vela di ASI guidato da Giuseppe Rossetti. Un luogo davvero unico che vanta una storia antichissima le cui radici risalgono al X secolo, periodo in cui avvenne il famoso “ratto delle donzelle” da parte dei pirati del Gaiolo, poi sconfitti dalla flotta del doge Candiano II.
La giornata di venerdì sarà interamente dedicata alle prove in mare ed alla formazione degli equipaggi nella formula del match race focalizzata sulla tattica e sulla strategia di regata. Sabato, invece, i primi Round Robin tra gli equipaggi si sfideranno, nei vari match, per qualificarsi ai Round Robin finali di domenica.
Divertimento e spettacolo assicurato per le 7 squadre iscritte provenienti dalle Regioni: Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, pronti ad utilizzare la loro astuzia per marcare le squadre avversarie e guadagnarsi le prime posizioni tra match avvincenti e competitivi.
Il Campionato, che è alla sua II edizione, ha l’organizzazione tecnica dall’ASD Vivila Sailing Team con il Patrocinio del Comune di Caorle d il supporto ricevuto da varie attività commerciali della zona nonché dall’Associazione Proprietari di Porto Santa Margherita. La manifestazione sarà visibile da terra e a bordo delle imbarcazioni dell’ASD ancorate ai margini del campo di regata e disponibili per ospitare soci e spettatori che vogliano godersi lo spettacolo dal mare.
Le premiazioni, poi, si terranno domenica 12 alle ore 19.00 presso il Piazzale Portesin di Porto Santa Margherita alla presenza dell’Assessore allo Sport Mattia Munerotto, del Presidente di ASI Veneto Andrea Albertin e del Responsabile del Settore Vela ASI, Giuseppe Rossetti. “Questo evento è nato solo un paio di anni fa, poco prima che il Covid stravolgesse tutto – spiega Rossetti – seppur con una partecipazione al momento limitata, di circa quattro o cinque regioni, il nostro intento è quello di continuare a lavorarci e valorizzarlo ancor di più nei prossimi anni. Soprattutto, quello che cercheremo di fare, oltre ad estenderne i numeri in termini di partecipazione è ammettere barche più lunghe e aumentare le distanze”.
E poi sul campionato nazionale di Vela di Altura: “Ad ottobre, poi, si svolgerà invece il campionato nazionale di Vela d’Altura in cui prevediamo una due giorni in mare con un percorso di quasi 50 miglia nautiche con imbarcazioni da 10/12 metri”.

Le Vele di ASI

La grande famiglia di ASI non smette mai di allargarsi, abbracciando sempre più discipline e portando in giro per l’Italia la cultura dello sport per tutti e in tutte le forme. Ed è su queste basi che, la scorsa settimana, la Giunta Nazionale del nostro Ente ha creato un nuovo Settore dedicato alla vela che porta con sé una storia lunghissima – che potremmo ricondurre facilmente agli albori della civiltà – e che ha accompagnato da protagonista la vita dell’uomo per millenni.

Giuseppe Rossetti neo-Responsabile ASI Settore Vela

Lasciando la storia da parte, ci concentriamo, quindi, sulla disciplina sportiva. Per farlo, abbiamo raggiunto il neo-Responsabile del Settore Vela ASI, Giuseppe Rossetti, per una chiacchiera generale sugli obiettivi del nuovo percorso e per conoscere un pizzico della sua storia personale.

Da cosa nasce la sua voglia di intraprendere questa avventura?
“Nella mia vita ho avuto numerose esperienze con gli enti di promozione, anche se, in altri settori come le arti marziali, la formazione e la gestione arbitrale. Sono stato anche Presidente della Lega navale di Padova per 2 mandati, il che mi ha permesso di maturare una grossa esperienza. Finita quell’esperienza, a causa del limite dei mandati, mi sono ritrovato con una ritrovata voglia di poter gestire, migliorare e programmare. Con il Presidente del Comitato del Veneto di ASI, Andrea Albertin mi sono proposto di riorganizzare il settore sotto tutti i suoi aspetti. La risposta di Albertin è stata un netta: magari! A quel punto ho contattato alcune persone con esperienza nella lega navale per creare il gruppo e siamo partiti con il lavoro. Abbiamo programmato più attività formativa che agonistica. Questo, perché spesso le regate sono organizzate all’interno dei circoli e saltuariamente non permettendo un vero confronto agli atleti. Io le chiamo “regate di condominio”. L’obiettivo è quello di allargare sempre di più le gare portando almeno a far concorrere più circoli di zone limitrofe. Infine, abbiamo chiamato le associazioni che ognuno di noi conosce per riunirle sotto la nostra bandiera”.

Dove si troverà la vostra base operativa?
“Come base ci appoggeremo al CR Veneto con base a Padova, sede che sarà sia operativa che organizzativa. Però, vorrei che ogni regione abbia un rappresentante nel coordinamento. Sto valutando di nominare per ogni regione un coordinatore, figura fondamentale per riuscire ad essere presenti e più vicini ai problemi del territorio con più rapidità”.

Qual è l’obiettivo nel breve periodo in termini numerici?
“Il numero più importante è la presenza sulle Regioni. Al momento siamo presenti in Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Marche e stiamo valutando, invece, Sicilia, Calabria e Puglia. Inoltre, e stiamo conducendo un’analisi regione per regione contattando le realtà territoriale già in casa ASI per capire se vogliono e possono aiutarci. Come obiettivo vorrei riuscire a coinvolgere tutte le regioni costiere per poi puntare a Lombardia e Piemonte che, sui loro grandi laghi, posseggono scuole veliche importanti. Un esempio su tutti, il Lago di Garda che è proprio una “palestra” per la vela”.

Qual è uno dei primi punti su cui vorrete puntare?
“Sicuramente la formazione! Ho la fortuna di poter contare su persone che mi hanno dato una mano fin ora (anche di altre realtà) ma che ci stanno sostenendo. Stiamo creando un regolamento per la formazione molto strutturato e stringente che imporrà, a chi si vuole avvicinare all’insegnamento, ad avere già delle ampie basi (es. patente nautica). Partendo da queste basi, l’aspirante tecnico affronterà un corso di 160 ore diviso in 70 ore di apprendimento in didattica e 90 ore di tirocinio in una base nautica. Come è facile intuire, abbiamo voluto dare più importanza all’aspetto pratico della formazione con gli allievi. Tutto ciò per quanto concerne la formazione dei tecnici di base mentre, per una formazione più elevata (istruttori costieri e di altura), si avrà meno la parte pratica e più quella didattica per l’aggiornamento tecnico e di normativa”.

La Traversata dell’Amicizia

Quali sono i principali eventi in programma per questa stagione?
“Qui è doverosa una premessa perché la Vela è uno sport in questo senso più particolare. La difficoltà sta proprio nel trasportare le barche. Non sempre le famiglie degli atleti hanno a disposizione mezzi fisici ed economici per tale attività. Punteremo, quindi, a dei Trofei Regionali che siano equiparati a dei campionati Nazionali. Comunque, l’idea di un campionato italiano con atleti provenienti da tutto il paese è allo studio.
Un esempio di questa organizzazione potrebbe partire con le Asiadi. Invece di svolgerle in un’unica città, vorremmo pensare a delle Asiadi “diffuse” per Nord-Est, Nord-Ovest, Centro e Sud Italia.
Tra i vari eventi, poi, avremo tra i tanti la Traversata dell’Amicizia che va da Chioggia a Porto Piccolo. Si tratta di una lunga regata (60 miglia) che prevede il pernotto a Porto Piccolo e il rientro a Chioggia il giorno dopo. Siccome si è vicino alla Croazia si farà un omaggio (in gergo “inchino”) facendo un passaggio alla boa di Orsera-Rovigno. Un altro bell’appuntamento sarà il Trofeo Marcegaglia, chiamato così perché l’attracco avverrà sull’Isola di Albarella di proprietà della Sig.ra Marcegaglia. La regata, come detto, avrà la durata di due giorni con il pernotto sull’isola e il rientro sempre a Chioggia. Ad Albarella, poi, i partecipanti potranno usufruire, con grandi sconti, di tutti i servizi dell’isola come piscine, campi da tennis e tanto altro. Entrambe le giornate prevederanno una festa-premiazione la sera”.

Ci racconti di più sulla sua storia…
“Sono uscito dalla Marina a 24 anni e ho lavorato in ENI per una vita. Fino a quell’età non ero mai andato a vela ma ero un grande amante delle barche a motore. Dovete considerare che in marina, appunto, i nostromi si trovano a gestire prettamente imbarcazioni motorizzate. Un giorno, però, un collega mi chiese una mano per portare la sua nuova barca a vela in mare. Io, ovviamente, risposi di si pur dicendogli che non ero mai stato a bordo di una vela. Lui quasi si offese ma alla fine abbiamo passato una bellissima giornata in mare. Al rientro, dopo solo una settimana, avevo già la mia barchetta a vela di 4 metri. Fu un colpo di fulmine! Sono stato autodidatta, ho comprato libri, ho studiato ma, soprattutto, quando potevo andavo sempre in mare. Più in là mi sono avvicinato a qualche associazione come i Venturieri di Chioggia (associazione storica che verte su barche a vela in legno e storiche) e mi sono preso una barca più grande, circa 6 metri. Dopodiché sono passato ai 10 e infine oggi agli 11 metri. Entrai nei Venturieri da semplice iscritto, poi ho avuto l’esperienza in Lega Navale ed ora voglio portare tutto questo in ASI Vela”.

Ha un progetto che unisce vela e disabilità. Ce ne parla?
“Il progetto è partito qualche anno fa con Marco Rossato tramite Andrea Stella, noto ai più per essere finito sulla sedia a rotelle dopo uno sparo che ricevette a Miami tentando di fermare il ladro che gli stava rubando l’auto. Andrea è anche l’ideatore di “Spirito Stella” che, oltre ad essere fisicamente un grande catamarano completamente adattato alle persone con disabilità, è un bellissimo progetto che permette a molte persone di godersi delle lunghe giornate in mare ospitate al 100%.
Su questa falsa riga Marco Rossato, anche lui in carrozzina dopo un brutto incidente in moto, ha voluto riproporre la cosa. Al tempo, come Lega Navale, l’ho aiutato a realizzare un giro d’Italia con un trimarano. Rossato partì dall’Arsenale di Venezia e, a tappe, navigando solo di giorno, senza supporto economico e manovrando la barca completamente da solo, ha condotto il giro.
Insomma, insieme a Marco abbiamo costituito l’associazione “I Timonieri Sbandati” che si occupa proprio di questo, permettere alle persone con disabilità di andare a vela. I Timonieri sono già in ASI e, come Settore, stiamo già attrezzando a Padova un lago con piccole barche ma anche con gru, pontili e tutti i sistemi di sicurezza per far partire un bel progetto in questo senso”.

 

Le attività di vela nel periodo aprile-maggio 2022

Nelle giornate del 3-9 e 10 aprile 2022 si è svolto il 29° Trofeo di Primavera a Chioggia. Regata con percorso a triangolo a boe fisse di 9,5 miglia. La regata di domenica 3 ha presentato non pochi momenti di intenso impegno per gli equipaggi che hanno dovuto governare le imbarcazioni con forte raffiche di vento e una ventina di nodi che hanno formato un’onda media di circa 1,5/2 mt.  Meteo completamente diverso si e’ manifestato il sabato 9 che ha costretto l’organizzazione ad annullare l’evento previsto, che invece è stato recuperato con due regate la domenica 10. Numerose le societa’ presenti con 27 imbarcazioni su 31 iscritte suddivise in classi in base alla lunghezza.

All’inizio, quella che poteva sembrare una semplice veleggiata, ha assunto invece tutte le caratteristiche della regata pressoché perfetta per le condizioni meteo che hanno permesso di issare anche i meravigliosi e colorati gennaker e condurre le barche in modo soddisfacente e poter quindi dare la giusta gratificazione ai vari velisti esperti e non che, con grande serietà e professionalità, hanno portato a termine i compiti assegnati dai comandanti skipper delle imbarcazioniOttima l’organizzazione dell’esperto Emanuele Bianzale presidente del associazione “club amici della vela” anch’essa iscritta ASI, prossimo responsabile organizzazione regate ASI. La “regata dell’amicizia” prevista per il ponte del 25 aprile Chioggia Rovigno (Croazia), Porto piccolo (Ts), è stata invece spostata per condizioni meteo avverse, all’ 1- 4 giugno 2022. 

Sotto l’aspetto formativo e sociale è previsto, in data 20-22 maggio 2022 a Viareggio, il “2° corso d’altura senza barriere” indirizzato a equipaggi con disabilita’ motoria su “cadama’”, barca classica in legno appositamente adeguata per ospitare anche velisti disabili il tutto organizzato in collaborazione con” i timonieri sbandati” di Marco Rossato; navigatore disabile con all’attivo un giro d’italia in solitario. Anche questa associazione, particolarmente attiva in toscana, fa parte di ASI Vela.

Nello stesso ambito di attività per portatori di disabilità, è prevista per il weekend 9-12 giugno 2022, a Viareggio, una regata con due imbarcazioni adattate a portatori di handicap motorio agli arti inferiori.

[  Fabio Castelli  ]

 

Istruttori nazionali di vela, windsurf e kitesurf si diventa, con ASI

Dopo un lungo e silenzioso lavoro, stanno per essere resi pubbici i corsi di formazione ASI finalizzati alla messa a punto delle competenze e delle conoscenze per l'insegnamento delle discipline di vela, windsurf e kitesurf.
Tantissimi gli appassionati di questi sport, grande dunque la richiesta di essere introdotti alla pratica di queste discipline grazie a personale qualificato. ASI ha voluto rispondere a questa esigenza.

COME DIVENTARE ISTRUTTORI DI VELA, WINDSURF E KITESURF CON ASI

I corsi si attiveranno in presenza di almeno 10 allievi istruttori interessati e di regola si riferiranno ad una delle seguenti categorie: vela leggera, cabinati in crociera costiera, windsurf, kitesurf.
Tre le fasi in cui si articolerà il percorso didattico: una preliminare di verifica tecnica e di informazione generale (della durata di un weekend), una di full immersion verticale nella disciplina (della durata di tre weekend, dal venerdì alla domenica), ed infine un tirocinio di 30 ore.
Al termine della seconda fase sarà rilasciato un attestato di partecipazione con profitto ed una valutazione formativa, ma solo partecipando anche alla terza sarà possibile risultare Istruttori nazionali di vela, windsurf, kitesurf. Per mantenere la qualifica occorrerà frequentare un corso di aggiornamento ogni due anni.
 

I FORMATORI ASI

Il corso sarà gestito da formatori nazionali di ASI, secondo gli standard interni e quelli previsti dalla formazione nazionale.

Rio Test Event: vento leggero poche regate. Azzurri ok

L’assenza di vento continua a condizionare l’Aquece Rio International Sailing Regatta 2015, il Test Event delle classi olimpiche in corso di svolgimento a Rio de Janeiro. Il programma della quinta giornata prevedeva un totale di 28 regate per tutte le classi, anche per recuperare le prove perse nei giorni scorsi. Ancora una volta, però, sono state le brezze leggere e instabili, sia fuori che dentro la baia di Guanamara, a determinare lo svolgimento delle regate. Così se ne sono concluse soltanto 11.

Nono stante le condizioni meteo la Squadra Italiana diretta da Michele Marchesin è stata ancora una volta protagonista. Francesco Marrai, il giovane livornese che è sceso in acqua con la pettorina rossa da numero uno della classifica, ha piazzato un ottimo secondo posto nell’unica prova disputata dai Laser Standard, risultato che gli consente di consolidare la sua leadership. Sono tornate al primo posto Giulia Conti e Francesca Clapcich nella classe 49er FX, grazie a un ottavo di giornata e ai contemporanei risultati negativi delle avversarie dirette.

Molto bene anche Mattia Camboni nell’RS:X (terzo) e l’equipaggio azzurro del Nacra 17 formato da Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri, tornato finalmente ai livelli abituali e risalito fino all’ottavo posto della classifica generale con un 4-3 di giornata. Gli altri italiani: Silvia Zennaro (Radial) è 21ma, Flavia Tartaglini (RS:X F) 13ma e Stefano Cherin-Andrea Tesei (49er) sono 19mi.

Fonte: Coni.it