28.11.2015

Sportivando

Ripensare lo sport per spendere meglio?

ASI più e più volte ha trattato nella sua rivista interna Primato (qui l'archivio) il tema della necessità  di rivedere l'attuale ordinamento del sistema sportivo italiano. Molte i motivi alla base della tesi e molte le argomentazioni a suo supporto. Molte anche le speranze riposte nell'elezione del nuovo Presidente CONI Giovanni Malagò. Ad oggi alcune cose sono cambiate – la più evidente la riforma della giustizia sportiva e l'impegno nel promuovere lo sport a partire dalle scuole di base – altre invece sono rimaste immutate.

Ad esempio l'alto contributo offerto dai corpi militari italiani ai successi dello sport nostrano nelle principali competizioni internazionali: gli sportivi con le stellette sono responsabili dell'80% dei successi raggiunti.

Se c'è chi si interroga sull'eticità  delle cospiscue sponsorizzazioni con cui alcuni atleti di Stato integrano lo stipendio che è pubblico, io penso all'opportunità  odierna di un finanziamento pubblico al CONI, soggetto responsabile dell'organizzazione non solo dello sport olimpico ma di tutto il movimento sportivo italiano.

​Che senso ha prevedere circa mezzo miliardo di euro per il finanziamento del Comitato se di questa cifra solo pochi 'spiccioli' vanno nella direzione dello sport di base e se lo sport di vertice in pratica si automantiene nelle sue punte di eccellenza grazie ai gruppi militari già  legati a stipendi pubblici?

Claudio Barbaro

20.07.2022

Professionismo femminile. Luci e ombre

Dalla rivista Primato, giugno 2022. E quella favola chiamata Fiammamonza… Con una piccola eccezione alla tradizione, questo spazio ospita una […]

27.06.2022

Lavoro sportivo. Vigiliamo sulla riforma

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

09.05.2022

Sport nella Scuola. A troppo piccoli passi

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

06.04.2022

Sport nella Costituzione. Antesignano, Giulio Maceratini

Dalla rivista Primato, marzo 2022. …se sono quello che sono, se siamo quello che siamo, lo dobbiamo a uomini come […]

09.03.2022

Piccole, ma preziose: il nostro invito affinché le nuove regole del Terzo Settore chiamino tutti alla partecipazione

Dalla rivista Primato, febbraio 2022. ASI è stata riconosciuta come Rete Associativa Nazionale del Terzo Settore Come molti di voi […]