Notizie

11.02.2021

Istituzionale

Strutture sportive. Oltre un miliardo in fumo ogni mese di chiusura

Questo secondo lockdown sportivo ha già superato i 200 giorni che si aggiungono ai 3 mesi del precedente. Oltre un miliardo di euro in fumo ogni mese di chiusura. Drastica la diminuzione di utenti nei club dove 2 clienti su 3 non sono rientrati.

BARBARO: “Confusione e immobilismo mentre lo sport muore”

 
“Stiamo vivendo giornate molto confuse che non fanno bene al mondo dello sport”, esordisce così Claudio Barbaro in un comunicato inviato oggi alla stampa. 
“Si parla di nuovi protocolli ancor più stringenti per palestre e piscine, di divieti all’uso delle docce e lezioni individuali che rendono economicamente insostenibile, per le strutture, una qualsiasi riapertura. Raccogliamo l’appello del mondo dello sport che, al momento, è in attesa di sapere chi sarà l’interlocutore presso il Ministero competente che, oltre a chiarire e definire quali saranno i protocolli ufficiali, dovrà rapidamente sbloccare i Ristori per i 100mila sodalizi sportivi, soprattutto per i ricavi istituzionali, e dare risposte ai collaboratori che attendono di sapere quale sarà la loro sorte.

Questo secondo lockdown sportivo ha già superato i 200 giorni che si aggiungono ai 3 mesi del precedente. Oltre un miliardo di euro in fumo ogni mese di chiusura, stando ai dati del Global Wellness Institute. Ma la preoccupazione più grande è per le gravi ricadute e l’onda lunga di perdite che si estenderà anche dopo la riapertura. Abbiamo già registrato cali economici fino all’80%, ma il dato più allarmante è la drastica diminuzione di utenti nei club dove 2 clienti su 3 non sono rientrati”.

 

La stampa sostiene le battaglie dello sport
La sensibilità del Media nei confronti delle strutture e dei lavoratori dello sport continua ad essere una costante in questo periodo emergenziale. RepubblicaMessaggeroLeggoSport EconomySecolo, Gazzetta dello Sport, Mattino. Queste le prime uscite che hanno raccolto i lanci delle agenzie di stampa. Siamo in un periodo di grande confusione e alla vigilia di decisioni importanti per il mondo dello sport. Che non vuole stare alla finestra senza far sentire la sua voce.
 

 

In Primo Piano
In Evidenza