Coronavirus, il vademecum da seguire

22 Feb 2020 | Redazione web ASI
Istituzionale

Anche ASI, per senso di responsabilità e unendosi alla catena che in questi giorni sta coinvolgendo il mondo mediatico, si unisce all’informazione sul Coronavirus e ai modi più idonei per ridurne la diffusione. 
Pubblichiamo il vademecum delle istituzioni sanitarie e invitiamo le nostre associazioni, affinché usino tutte le attenzioni del caso, anche negli ambiti sportivi. 

Cos’è il nuovo Coronavirus? Come si trasmette? Quali sono i sintomi? E come prevenirlo? Sono solo alcune delle domande a cui l’Istituto superiore della sanità cerca di fornire risposte in un apposito apposito vademecum. 

Di seguito i punti salienti.
I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori. Sono chiamati così per le punte a forma di corona che sono presenti sulla loro superficie.
I sintomi più comuni di un’infezione da coronavirus nell’uomo includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale.
È a disposizione il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute 1500 in caso di sintomatologia. 

I coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra attraverso:
  • la saliva, tossendo e starnutendo;
  • contatti diretti personali (come toccare o stringere la mano e portarla alle mucose);
  • toccando prima un oggetto o una superficie contaminati dal virus e poi portandosi le mani (non ancora lavate) sulla bocca, sul naso o sugli occhi;
  • contaminazione fecale (raramente).


 


E' possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo se stessi e gli altri, seguendo alcuni accorgimenti, secondo le indicazione dell’Istituto Superiore di Sanità:
  • lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con soluzioni alcoliche;
  • starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso e gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l'uso;
  • evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca con mani non lavate;
  • evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate o che mostri sintomi di malattie respiratorie (come tosse e starnuti);
  • rimanere a casa se si hanno sintomi;
  • fare attenzione alle pratiche alimentari (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate);
  • pulire e disinfettare oggetti e superfici che possono essere state contaminate.
 

[  Fabio Argentini  ]