07.03.2021

Sportivando

Ripartire, la prossima sfida

Dalla rivista Primato, marzo 2021.

Scendere in piazza, battersi per lo sport e studiare il futuro.

In questi mesi si gioca una partita fondamentale…

Lo sportivo è sempre proiettato al futuro, alla prossima gara. Se il primo tiro della partita finisce in curva, cerca di pensare ai minuti successivi della partita. Il campione guarda a un evento andato male, con una domanda nella testa: “a cosa potrà servirmi questa esperienza per la prossima sfida”? Le risorse psicofisiche sono tutte là, proiettate nell’azione da compiere e vengono per questo utilizzate nel momento in cui il piano futuro non fa altro che diventare azione corrente.
Arriviamo dallo sport, viviamo nello sport e anche noi pensiamo da uomini di sport.
E veniamo da un periodo durissimo, lo stiamo vivendo sulla nostra pelle. Stiamo combattendo dentro e fuori i Palazzi della politica e tanti articoli di giornale stanno lì quotidianamente a testimoniarlo; così come la vicinanza della base territoriale, una grande famiglia che non si è mai disunita. Ecco, se il bilancio del nostro lavoro, e di quanto seminato negli anni, dobbiamo misurarlo da come oggi continua a sostenerci il nostro popolo, allora sì, riusciamo a trovare in questa maledetta pandemia un motivo per guardare al futuro con rinnovata speranza.
Per il fatto di scendere in piazza chiedendo rispetto e mettendo pressione – in modo sin troppo aggressivo, secondo qualcuno – verso una politica appiattita su decisioni timide e confusionarie, pagheremo forse anche qualche scotto come Ente. Sicuramente non saremo tra i primi della lista quando ci sarà da frequentare i salotti buoni. Ma lo sport – e la nostra gente – è stata considerata l’ultima ruota del carro. E, per la valenza economica e legata alla Salute pubblica del nostro comparto, questo è inaccettabile.

Scendere in piazza, battersi per lo sport e studiare il futuro. In questi mesi si gioca una partita fondamentale…
Lo sportivo è proiettato al futuro, scrivevamo all’inizio.
E allora, tra informazione, sostegni e sedute di cappa e spada, ci siamo messi anche a studiare numeri e tendenze. A un anno dall’inizio della pandemia che ha piegato il Paese e fatto abbassare tante serrande, dobbiamo approfondire per pro- seguire a proporre soluzioni. Che partano dai giovani considerando il rischio concreto che questa storica stagione abbia profondamente inciso sulle abitudini quotidiane di un’intera generazione. Con questo spirito, ad esempio, è nata un’indagine – denominata In&Out – con- dotta insieme a Sport e Salute e all’agenzia demoscopica SWG, attraverso la somministrazione di un questionario su un campione nazionale di 2.927 soggetti di età com- presa tra i 16 e i 90 anni.
Abbiamo cercato di capire quali danni avesse portato la pandemia non sulle nostre associazioni e strutture, dato che purtroppo ben conosciamo e sul quale stiamo da tempo dibattendo e in virtù del quale battendoci, ma sull’approccio allo sport della cittadinanza sportiva.
Emerge un elemento statistico non rassi- curante: solo il 35% del campione pratica attività fisica/sportiva più volte a settimana. Il 40% dei ‘saltuari’ effettua attività fisica al massimo una volta a settimana. C’è una sacca del 25% di sedentari soprattutto al Sud della penisola o tra le fasce meno istruita della popolazione.
Fuori di casa, le attività rimangono quelle della camminata veloce 68% del campione, 20% bicicletta, 19 corsa. In casa il 43% pra- tica ginnastica, fitness, esercizi (25% senza ausilio di internet, app, tv, dvd, video o con- solle di gioco, 18% con) e il 4% giochi ricreativi e attività ludiche in casa o in giardino. Gli intervistati potevano, ovviamente, dare risposte multiple.
Altro dato sul quale riflettere: la ricerca conferma che la metà degli sportivi non fa riferimento ad alcuna organizzazione. E di quelli, invece, presenti all’interno dell’Ordinamento sportivo, solo uno su 5 si dice iscritto ad un organismo di riferimento. Non trascurabile (28%) la quota di chi non sa rispondere con certezza. Su entrambi i temi, ben conosciuti, sarà opportuna una riflessione che rimandiamo ad altro spazio. È certo che il Sistema sport non può continuare a far finta di nulla…
In tutto ciò una buona notizia. Prima del Co- vid, del campione intervistato che dichiarava di praticare attività sportiva, il 59% ha continuato e solo il 7% ha smesso di farla. Del 34% che non si allenava, anche prima della pandemia, il 18% ha continuato con atteggiamenti di sedentarietà ma il 16% ha iniziato a muoversi. Un fiore, in fondo, può nascere anche dall’asfalto rovinato dal tempo e dall’incuria.

20.07.2022

Professionismo femminile. Luci e ombre

Dalla rivista Primato, giugno 2022. E quella favola chiamata Fiammamonza… Con una piccola eccezione alla tradizione, questo spazio ospita una […]

27.06.2022

Lavoro sportivo. Vigiliamo sulla riforma

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

09.05.2022

Sport nella Scuola. A troppo piccoli passi

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

06.04.2022

Sport nella Costituzione. Antesignano, Giulio Maceratini

Dalla rivista Primato, marzo 2022. …se sono quello che sono, se siamo quello che siamo, lo dobbiamo a uomini come […]

09.03.2022

Piccole, ma preziose: il nostro invito affinché le nuove regole del Terzo Settore chiamino tutti alla partecipazione

Dalla rivista Primato, febbraio 2022. ASI è stata riconosciuta come Rete Associativa Nazionale del Terzo Settore Come molti di voi […]