09.03.2022

Sportivando

Piccole, ma preziose: il nostro invito affinché le nuove regole del Terzo Settore chiamino tutti alla partecipazione

Dalla rivista Primato, febbraio 2022.

ASI è stata riconosciuta come Rete Associativa Nazionale del Terzo Settore

Come molti di voi sapranno, al termine dello scorso anno, è stato reso operativo il Registro Unico Nazionale di Terzo Settore. La piattaforma che è andata a sostituire i vecchi registri delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di volontariato, pronta ad accogliere anche tutte le nuove tipologie di enti del terzo settore previste dal Codice del Terzo Settore. All’interno di questa, dunque, si potrà verificare in estrema trasparenza quali sono i soggetti che operano nel terzo settore e a quale realtà aggregativa appartengano. La piena funzionalità del RUNTS, tanto attesa, ha contribuito a dare concretezza e senso di piena attualità ad una riforma complessa.

Non solo: come abbiamo avuto modo di dirvi, dopo la messa in operatività del Registro, ASI è stata riconosciuta come Rete Associativa Nazionale ed autorizzata ad operare come tale sulla piattaforma. Notizia molto importante considerando che sono state solo 32 le Reti individuate come idonee ad agire in nome e per conto degli enti del terzo settore affiliati, tra cui solo 8 Enti di Promozione Sportiva. Di fatto la presenza del nostro Ente in quella lista è quindi un importante riconoscimento del peso associativo assunto non solo sul piano sportivo, ma anche su quello sociale e culturale, forte di una storia e di un impegno nel sociale che affonda le radici nel tempo.

L’avvio del RUNTS e il nostro riconoscimento come Rete Associativa Nazionale (che poi dovrà essere confermato a valle del processo di trasmigrazione) ci spinge ad un sempre maggiore impegno all’interno del variegato universo dell’associazionismo italiano in cui vogliamo rappresentare le istanze dell’italianità, dell’indole sociale della nazione, del suo senso della famiglia e della continuità tra le generazioni, del gusto per la bellezza e per il sapore, del patrimonio naturale e artistico più invidiato al mondo.
A tal fine stiamo lavorando per migliorare il servizio offerto alla nostra base, anche un centro servizi capace di assistere in modo globale sia le associazioni che desiderino strutturasti per operare nel terzo settore (quindi iscriversi al RUNTS) sia per quelle che già all’interno del terzo settore sentano il bisogno di essere affiancate nel gestire la complessità che la riforma del privato sociale si porta appresso.

Anche e soprattutto rispetto ai legami impliciti con le nuove regole che interessano l’ambito sportivo. Norme che sono giunte posteriormente, ma che dovranno necessariamente essere armonizzate con quelle previste per il terzo settore. Mentre, infatti, è assolutamente positivo l’aver riconosciuto la valenza sociale dell’attività sportiva dilettantesca per i profili indiscutibili di attività finalizzata a realizzare finalità solidaristiche, civilistiche e di utilità sociale, ancora si attende che vengano dipanati elementi decisivi ai fini di un’adesione consapevole del mondo sportivo a questo universo.

Allo stesso modo, proprio perché crediamo nel grande aiuto che l’associazionismo improntato ad attività di interesse generale possa dare nella costruzione di un solido e stabile modello di welfare – strutturato su un perno centrale e sul supporto attivo delle realtà non profit – ci aspettiamo che il compimento della riforma passi anche da un necessario alleggerimento delle procedure anche informatiche connesse all’adesione al Registro Unico del Terzo Settore.
Se è, infatti, vero che il “nuovo” Terzo settore, così come ridisegnato dalla Riforma del 2017, è diverso e più ampio rispetto al “vecchio”, quello fondato su una moltitudine di leggi speciali e di registri regionali, dall’altro è altrettanto doveroso riconoscere come per aderire a questo rinnovato ambito ci si debba confrontare con uno strumento tecnico-informatico e con procedure che rischiano di allontanare e spaventare realtà piccole ma preziose.
Pertanto, ci auguriamo che, a fronte di un serio impegno portato avanti dalle Reti Associative come la nostra nel sensibilizzare sulle numerose opportunità connesse alla partecipazione al privato sociale, le Istituzioni possano e vogliano venire incontro a chi crede in questo progetto per il bene dell’Italia e della nostra comunità.

 

Primo passo per lo Sport in Costituzione

Con l’emendamento firmato dai me, insieme con i colleghi Senatori Iannone e Malan, la Commissione Affari Costituzionali del Senato ha approvato il DDL per inserire i valori legati allo Sport tra quelli riconosciuti dalla nostra Carta Costituzionale. Può ora iniziare l’iter, a partire dal voto del Senato. L’emendamento in questione prevede l’aggiunta della frase “In tutte le sue forme” alla fine del nuovo comma che entrerà a far parte dell’articolo 33 della Costituzione: “La Repubblica riconosce il valore educativo, sociale e di promozione del benessere psicofisico dell’attività sportiva”. Si è reso necessario specificare che la pratica sportiva è da intendersi in tutte le sue forme ed espressioni, organizzate e non, al fine di valorizzare tutto lo Sport, anche quello dilettantistico, amatoriale, di mero allenamento, di base e di prossimità. Questa modifica vede riconosciuto l’impegno di tantissimi cittadini che quotidianamente svolgono attività fisica. E, con loro, anche degli operatori del comparto e delle strutture che quotidianamente promuovono lo Sport.  Siamo di fronte a un passaggio storico per lo Sport e, finalmente, all’inizio di una rivoluzione culturale.

 

09.05.2022

Sport nella Scuola. A troppo piccoli passi

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

06.04.2022

Sport nella Costituzione. Antesignano, Giulio Maceratini

Dalla rivista Primato, marzo 2022. …se sono quello che sono, se siamo quello che siamo, lo dobbiamo a uomini come […]

07.01.2022

Scuola, Costituzione e una rivoluzione culturale che non accenna a decollare

Dalla rivista Primato, gennaio 2022. Ultimi in Europa nelle ore di educazione motoria… Che strana sorte tocca allo Sport. Gli […]

07.11.2021

Il paradosso dello sport italiano

Dalla rivista Primato, novembre-dicembre 2021. Come noto a molti di voi, Primato nasce per approfondire fatti di politica sportiva, con […]

07.10.2021

Ministero si, Ministero no

Dalla rivista Primato, ottobre 2021.  È tempo di cambiamenti, di restituire allo Stato i compiti dello Stato. Anche nello Sport. È […]