02.12.2015

Sportivando

Dal Sud Tirolo una provocazione irricevibile

L'assessore provinciale con delega allo sport, Martha Stocker della Suedtiroler Volkspartei, vorrebbe che gli atleti altoatesini indossassero divise neutrali, cioè senza simboli dello Stato italiano, nelle gare in cui rappresentano l’Italia.
Sicuramente si tratta di una provocazione in linea con l’indirizzo politico del partito separatista di lingua tedesca, guidato da Sven Knoll, che, però, é irricevibile per chiunque.
Sentire dire che gli atleti si sentirebbero costretti a portare i simboli e cantare l’inno è come sentire bestemmaire per un credente. 
La bestemmia é peccato, tanto quanto questa dichiarazione.
Mi auguro che la condanna dal mondo sportivo sia univoca. Anche questo é un modo di difendere la nazione e i suoi confini e di lavorare per l'integrazione sociale.

Claudio Barbaro

09.05.2022

Sport nella Scuola. A troppo piccoli passi

Dal prossimo settembre – sul giorno si stanno pronunciando le singole Regioni – gli oltre 400 mila bambini delle quinte elementari, avranno un insegnante in più, quello di ‘Educazione motoria’. La critica del Sen. Claudio Barbaro

06.04.2022

Sport nella Costituzione. Antesignano, Giulio Maceratini

Dalla rivista Primato, marzo 2022. …se sono quello che sono, se siamo quello che siamo, lo dobbiamo a uomini come […]

09.03.2022

Piccole, ma preziose: il nostro invito affinché le nuove regole del Terzo Settore chiamino tutti alla partecipazione

Dalla rivista Primato, febbraio 2022. ASI è stata riconosciuta come Rete Associativa Nazionale del Terzo Settore Come molti di voi […]

07.01.2022

Scuola, Costituzione e una rivoluzione culturale che non accenna a decollare

Dalla rivista Primato, gennaio 2022. Ultimi in Europa nelle ore di educazione motoria… Che strana sorte tocca allo Sport. Gli […]

07.11.2021

Il paradosso dello sport italiano

Dalla rivista Primato, novembre-dicembre 2021. Come noto a molti di voi, Primato nasce per approfondire fatti di politica sportiva, con […]