Notizie

03.06.2022

Sport

| Padel

Finali Padel a Rossano Calabro

Se c’è uno sport che negli ultimi anni, anche e soprattutto nel periodo di pandemia, ha avuto la crescita più importante, è sicuramente il Padel. Oggi, si stima sia praticato da quasi un milione e mezzo di amatoriali con 800.000 giocatori abituali. Si consideri che, nel 2019, la cifra si aggirava intorno ai 350mila amatori. Crescita che è avvenuta anche in casa ASI dove, grazie alla direzione del Settore ASI Padel di Marta Sannito coadiuvata da Fabio Gatto, che, insieme, hanno strutturato e regolamentato il Settore in seno al nostro ente.

Il frutto del lavoro operato dalla struttura nazionale sarà ampiamente visibile durante questo lungo fine settimana di Asiadi a Rossano Calabro dove si svolgeranno le finali nazionali “ASI Italia Padel 4Fun Tour”.

Abbiamo raggiunto la responsabile del nostro Settore Marta Sannito per parlare di questi campionati italiani e di come il settore si sia evoluto dandosi un regolamento ben strutturato e una nuova modalità di ranking per gli atleti e appassionati.

Parte in Calabria il campionato italiano, come ci si arriva a livello di settore? “Sulla scia di un campionato che è già alla sua settima edizione, gestito per lo più a Milano nel più grande centro di Padel chiamato, appunto, “Milano Padel 4Fun”, abbiamo ridisegnato il nostro appuntamento nazionale. Grazie ad ASI Calabria è iniziato un progetto che spero possa esteso a tutti i comitati”.

Come funzionerà la fase finale del campionato? “Il settore nazionale ha definito un ranking che segmenta gli amatori in 6 categorie sulle quali si fonda il progetto “ASI Italia Padel 4Fun Tour”. Categorie che sono state codificate e tratte dall’applicazione leader nel mondo del Padel che si chiama Playtomic. Da questa, abbiamo ricavato i nostri rank che sono fondamentali per mappare – anzi far automappare – ogni singolo player”.

Quando si inizierà con le gare e quanti gli atleti coinvolti? “Si inizierà oggi, 3 giugno, con le fasi preliminari per poi proseguire con le semifinali e le finali che, invece, si disputeranno tutte sabato 4. Sono previsti, per quanto riguarda il campionato nazionale 32 atleti. Ma c’è stata così tanta richiesta all’ingresso del villaggio, in cui tutti possono provare tutti gli sport che, insieme a Fabio Gatto abbiamo creato un torneo Open, aperto a tutti, che si svolgerà a seguito delle nostre finali”.

Quante Regioni sono al momento coinvolte? “Siamo ancora in una fase di partenza e di strutturazione del Settore ma siamo già riusciti a coinvolgere ben quattro Regioni: Lombardia, Sicilia, Puglia e, appunto, Calabria. Per noi, questo, è un grandissimo punto di partenza molto incoraggiante”.

Quali sono gli obiettivi programmatici? “La nostra progettualità mira a diffondere il regolamento a tutti i comitati provinciali, al territorio di ASI, auspicando che ogni città possa organizzare il proprio campionato provinciale e poi regionale fino all’accesso agli italiani che vorremo sempre riproporre per il periodo di giugno. Questo, per costruire un “cammino” verso le finali nazionali che sia ben strutturato e che possa passare attraverso fasi di qualificazione. Sicuramente, l’esplosione della disciplina in Italia e i grandi eventi come il Major della scorsa settimana a Roma hanno portato grande, e nuova, visibilità al nostro sport che, nel suo insieme, ha quegli aspetti di convivialità e spensieratezza che rispecchiano i veri valori sportivi”.

La Responsabile del Settore ASI Padel, Marta Sannito ha poi concluso l’intervista con alcuni ringraziamenti. “Ringrazio il Presidente di ASI Claudio Barbaro e il Direttore Generale Fabio Salerno per l’appoggio incondizionato per lo sviluppo del Settore. Infine, un ringraziamento anche all’ASI Calabria preziosi per la partenza”.

 

In Primo Piano
In Evidenza