Notizie

04.06.2021

Istituzionale

ASI e i dirigenti che guideranno la ripartenza. L’esempio di Foggia

Con le nuove nomine a cura del CONI pugliese per il quadriennio 2021 – 2024, il Comitato provinciale ASI di Foggia piazza numerosi suoi dirigenti ai vertici del CONI Point locale.
Tra di essi, il nostro Direttore Tecnico Umberto Candela ed il Consigliere Nazionale Walter Russo vanno a comporre la delegazione territoriale che, assieme a Giuseppe Macchiarola già Presidente del comitato olimpico di Capitanata, affiancheranno il nuovo Delegato CONI Renato Martino.
L'ASI inoltre ottiene anche la nomina dei fiduciari comunali  presso tre importanti centri della provincia di Foggia, a Cerignola, Lesina/Poggio Imperiale e Candela, rispettivamente con la designazione dei dirigenti Cosimo La Guardia, Angela Violano e Rosario Tucci.

In Puglia opera anche il nostro dirigente Nazionale Umberto Candela…

Cosa vuol dire essere così ben rappresentati in un momento di storica ripartenza? 
"Significa rappresentare al meglio le istanze degli Enti al di là degli ambiti di competenza delle Federazioni. La promozione dello sport è altrettanto importante rispetto ai risultati, anzi dei risultati ne è la base. Conosciamo anche le problematiche delle nostre associazioni e delle strutture del territorio: la nostra sarà una voce in rappresentanza di tutto il comparto". 

ASI in terra pugliese
"Realtà fortemente radicata sul territorio e rappresentata in tutte e sei le provincie. Gli ultimi dati del CONI danno ASI Puglia al secondo posto tra gli Enti di Promozione Sportiva, primi a Foggia.
Sta vincendo la qualità dei servizi che offriamo. Non ci limitiamo solo al tesseramenteo e al riconoscimento delle qualifiche tecniche, ma offriamo servizi in termini di assistenza sulle procedure, attività di promozione sociale e tanto altro.
Mi sia permesso di sottolineare la qualità della dirigenza locale formatasi all'interno di un Ente importante come ASI e oggi a servizio dell'intera comunità sportiva".  

La formazione è un cavallo di battaglia suo e dell'Ente che rappresenta
"Si, con attività collegate alla qualificazione e alla verifica della qualità formativa. Tutto da noi è controllato a livello didattico e fatto verificare anche dai settori tecnici competenti per disciplina".

Una nuova sfida attende gli uomini e le donne di Associazioni Sportive e Sociali Italiane in terra dauna.
 

In Primo Piano
In Evidenza