Terzo Settore, Manovra. Positiva l'abolizione dell'articolo 108. Ma, ora, non bisogna temporeggiare

21 Dic 2020 | Redazione web ASI
Istituzionale

"Sono compiaciuto che sia stata cancellata dalla Legge di Bilancio una norma che avrebbe penalizzato il Terzo Settore con un indesiderabile aggravio fiscale. Ora, però, si passi dal lodare il Terzo Settore nei giorni festivi ad un concreto aiuto nei giorni feriali. Serve coerenza e continuità". Così ha spiegato, in una nota alla stampa, il nostro Presidente Claudio Barbaro.
"Come ha giustamente ricordato la portavoce del Forum del Terzo Settore, Claudia Fiaschi - ha proseguito - adesso è vitale attivare un tavolo con il Ministero dell'Economia, il Ministero del Lavoro e i rappresentanti del Terzo Settore, per discutere e finalmente risolvere i problemi relativi al quadro fiscale del Terzo settore. Senza una fiscalità effettivamente di vantaggio, la riforma di questa area rimane una petizione di principio astratta. 
Proprio l'emergenza Covid ha dimostrato quanto il privato sociale possa offrire un concreto apporto al bene comune, una realtà che merita rispetto e sostegno da parte delle Istituzioni. Pertanto, tutti dobbiamo impegnarci per il rafforzamento di tutte quelle realtà che non sono semplici erogatrici di servizi per le amministrazioni pubbliche, ma sono diventate a tutti gli effetti co-progettratrici di politiche sociali".