Terzo Settore: interpretazioni e opportunità della riforma

12 Dic 2019 | Redazione web ASI
Istituzionale

Dopo la riforma del Terzo Settore, le istituzioni europee, nazionali e locali stanno promuovendo la crescita di questo settore attraverso la continua emanazione di bandi di finanziamento per Associazioni di promozione sociale, Organizzazioni di volontariato e Imprese sociali. Per questo emerge con forza la necessità di preparare, soprattutto a livello locale, persone capaci di promuovere organizzazioni del Terzo Settore, di sviluppare iniziative sociali e di scrivere progetti da presentare nei diversi bandi di finanziamento.

Con questo scopo nasce il corso di formazione "Terzo Settore: interpretazioni e opportunità della riforma" che si svolgerà presso l’hotel  Hotel Empire a Roma. Presenti, il Senatore Claudio Barbaro, presidente ASI, il Vicepresidente Emilio Minunzio, anche nel Consiglio Nazionale del Terzo Settore, il Prof. Avv. Antonio Fici, Università del Molise, Giancarlo Moretti, Forum del Terzo Settore, il Prof. Mario Ciampi, Coordinatore Aree extrasportive ASI e Gianni Alemanno, Area progettuale ASI.
 
 
Il programma del corso


Sabato 14 dicembre

14,30–17,00. Caratteristiche fondamentali del nuovo Codice del Terzo Settore. Le indicazioni circa gli enti previsti, le differenze tra questi, la convenienza tra le diverse tipologie.
Sen. Claudio Barbaro, Presidente ASI 
Dott. Emilio Minunzio, Vicepresidente ASI, Consiglio Nazionale del Terzo Settore
Prof. Avv. Antonio Fici, Università del Molise

17,30–20,00. La domanda sociale e l’organizzazione del Terzo Settore in Italia. Le principali declinazioni del Terzo Settore in Italia, la sua evoluzione e le prospettive, anche in relazione al nuovo Testo Unico.
Dott. Giancarlo Moretti, Forum del Terzo Settore
Prof. Mario Ciampi, Coordinatore Aree extrasportive ASI
Ing. Gianni Alemanno, Area progettuale ASI


Domenica 15 dicembre 

9,30–12,30. La progettazione per l’accesso ai bandi pubblici e privati. Le competenze necessarie per elaborare in concreto un progetto in funzione della modulistica presente nei bandi, con attenzione all’inquadramento del progetto e alla sua programmazione economico-finanziaria.
Prof. Alberto Manelli, Università politecnica delle Marche
 
Per info: m a t i l d e . b a l l o n i @ a s i n a z i o n a l e . i t