La ripartenza in un centro sportivo polifunzionale

10 Giu 2020 | Redazione web ASI
Istituzionale

Come ribadito dall’OMS, lo sport è da considerarsi il farmaco naturale più potente, e assolutamente privo di controindicazioni, per rinforzare il sistema immunitario, soprattutto nelle categorie più a rischio. Per questo motivo i centri sportivi hanno, oggi più che mai, il dovere di fornire ad anziani e bambini la possibilità di approcciarsi all’attività fisica in totale sicurezza, proponendo una serie di servizi creati e strutturati appositamente sulla base delle loro esigenze, e calibrati secondo le più recenti norme anti-contagio.

La Wellnext s.s.d., con sede a Sant’Agata Militello, in provincia di Messina, presso il Palasport Mangano, è un centro sportivo polivalente ASI che comprende un’area fitness di 1.500 mq, 3 sale corsi, una piscina semi-olimpionica a sei corsie, una piscina per corsi di ambientamento e attività riabilitative, un campo di basket/volley coperto ed un’area esterna per allenamento funzionale. Un sistema di controllo degli accessi e la gestione delle prenotazioni permette di monitorare costantemente i flussi degli utenti, per evitare assembramenti, tanto negli spogliatoi, quanto negli ambienti comuni. Gli ampi spazi a disposizione hanno consentito, al termine del lockdown, di riorganizzare l’assetto della sala attrezzi, distanziando i macchinari a 2,40 m e predisponendo, in tutte le aree del centro, postazioni con gel igienizzanti per la disinfezione delle mani, pannelli in plexiglass al front office, tappeti decontaminanti e termometro all’ingresso dei tornelli. La capienza delle sale corsi è stata ridotta per garantire una distanza interpersonale di 2 metri e le attività in vasca sono state ricalibrate, seguendo le direttive della FIN, consentendo l’ingresso in corsia ad un massimo di 7 persone in contemporanea. 





Il centro promuove - tra le altre - attività dedicate ai bambini, con corsi di kick boxing, danza e scuola nuoto federale, prevedendo precisi criteri di tutela, che garantiscono lo svolgimento dei corsi all’interno di spazi ampi e sanificati prima di ciascuna attività. Durante le lezioni viene impedita sia ogni forma di contatto tra gli allievi che la condivisione di oggetti e attrezzi per l’allenamento (sacchi, cerchi, palle…). Gli allenamenti e gli schemi motori vengono sviluppati in singolo, in conformità con le linee guida nazionali delle rispettive federazioni.

“Crediamo che lo sport debba essere un motore di crescita, che insegni uno stile di vita sano, aiutando i giovani a socializzare e sperimentare l’impegno, la costanza e il rispetto delle regole”, afferma la D. ssa Maria Rosaria Catalioto, Amministratore Unico della Società. 

La stessa attenzione viene rivolta agli anziani, per i quali è stato studiato il “sempre attivi”, uno specifico percorso di allenamento integrato, che prevede corsi di fitness e piscina, a quote agevolate. L’obiettivo non è solo quello di regalare anni di vita, ma riempire di vita gli anni. Una struttura moderna ed efficiente ed uno staff professionale e competente consentono a tutti di allenarsi in totale sicurezza, nel rispetto delle distanze interpersonali, tanto nelle sale corsi, quanto negli ampi spazi esterni, godendo delle belle giornate soleggiate che la Sicilia regala già a partire da maggio. Ciascun utente è dotato di attrezzature personali, che ha la possibilità di disinfettare autonomamente, per evitare promiscuità e limitare così le possibilità di contaminazione. In tal modo si garantisce a tutti non solo la tutela della salute, ma anche la giusta serenità per affrontare gli allenamenti quotidiani.

Una menzione speciale va infine alle attività svolte in piscina: la scuola nuoto federale dedicata ai bambini fa parte di un percorso di acquaticità più ampio, che nasce già con i corsi dedicati alle gestanti, che possono sperimentare e godere dei benefici che l’elemento acqua è in grado di regalare al corpo durante i cambiamenti della gravidanza; questo percorso prosegue con i corsi di nuoto neonatale, rivolti ai piccoli dai tre mesi in su: un’esperienza di condivisione e contatto con i genitori, immersi nell’elemento a loro più congeniale e che li ha accompagnati per nove mesi. L’attività si svolge con un genitore in acqua, con mascherina, che sostiene e manipola il bambino; l’istruttore, anch’esso con la mascherina e operando fuori dall’acqua, coordina l’attività e suggerisce giochi ed esercitazioni, mantenendo la distanza interpersonale di almeno 2 metri.

Il movimento è un elemento essenziale della nostra vita, in grado di garantire il benessere psicofisico a tutte le età. In questo particolare momento storico, l’attenzione alla salute non può prescindere dalla giusta considerazione che va riservata allo sport, in tutte le sue forme. Riconoscerne l’importanza, nella vita di ciascuno, è il primo passo da muovere per educare ad uno stile di vita virtuoso ed attivo, in grado di tutelare la salute di tutti.
[  Bianca Scuderi  ]