Cuore in salute? Fate sport con moderazione

04 Feb 2015 | Ufficio Stampa ASI
Istituzionale

Studio di scienziati danesi: correre aiuta a mantenere in forma il sistema cardiovascolare. Ma i benefici ci sono soltanto se non si superano le tre volte la settimana
 
Uno studio destinato a fare discutere. Correre sì, ma non troppo. E’ questa, in estrema sintesi, la conclusione di una ricerca pubblicata dal Journal of American College of Cardiology. I dati lasciano poco spazio alle interpretazioni: i “light joggers”, coloro che corrono per meno di due ore e mezza alla settimana e con una velocità entro gli 8 chilometri orari, hanno meno probabilità di andare incontro a morte per malattie cardiache rispetto a chi fa sport più duramente.

Per arrivare al curioso risultato gli scienziati del Frederiksberg Hospital di Copenhagen (Danimarca) hanno monitorato per 12 anni lo stato di salute di oltre mille persone che praticavano jogging regolarmente. Tra i partecipanti sono emersi due profili: light e strenuous jogger. Questi ultimi sono soliti esercitarsi per più di quattro ore settimanali. Gli stakanovisti della corsa però, a differenza di quanto si possa pensare, secondo lo studio hanno le stesse probabilità dei sedentari di andare incontro a morte per eventi cardiovascolari. In particolare dai dati emerge che la frequenza ottimale è fissata in non più di tre volte alla settimana.

Come spiega il dottor Peter Schnohr, uno degli autori dello studio, «L'associazione a quantità di attività fisica e mortalità suggerisce che esiste un limite massimo in funzione ai benefici per la salute. Se l’obiettivo è quello di diminuire i fattori di rischio cardiovascolare fare jogging un paio di volte a settimana ad un ritmo moderato è una buona strategia. Di più può solo danneggiare».

Fonte: lastampa.it - http://www.lastampa.it/2015/02/04/scienza/benessere/cuore-insalute-fate-sport-con-moderazione-rBU3C3lqATB3Db2TnsLsoM/pagina.html
 

Potrebbe interessarti anche: