Conferenza ASI Karate: ecco come è andata

26 Set 2017 | Comunicazione ASI
Istituzionale | Karate
Eventi correlati
Set 23 Sabato
Generico
Conferenza nazionale ASI Karate
Roma, Lazio

La prima conferenza nazionale del settore ASI Karate: rilanciare il karate per rafforzare l'identità e rinvigorire le radici di ASI 


Nutrita la compagine dei maestri presenti all’incontro, salutati in primis dal presidente Claudio Barbaro che ha confermato ai presenti la volontà di ASI di rilanciare la disciplina del karate alla quale fu riconosciuto lo status di settore oltre 15 anni fa, grazie all’opera del Prof. Giacomo Labarbuta.
Presenti anche il direttore generale Diego Maulu e il direttore tecnico dott. Umberto Candela - il quale ha illustrato ai presenti le nuove Linee Guida generali in vigore dal 2017.

Commovente la cerimonia avvenuta subito dopo l’avvio della conferenza della consegna dei diplomi di 7.o dan motu proprio ai maestri Giovanni Pane (Sicilia), Glauco Tornesi (Lazio) e Angelo Saviano (Campania), riconoscimento proposto dal maestro Vladi Vardiero per i lunghi anni di militanza nel settore come coordinatori regionali.
 

Formazione, programmi tecnici e gare

La giornata è stata molto impegnativa perché erano all’ordine del giorno la presentazione del nuovo regolamento organizzativo del settore, del regolamento per la formazione dei quadri tecnici e del programma tecnico giovanile.

Il maestro Vladi Vardiero, responsabile di settore riconfermato alla guida del karate targato ASI, promotore della conferenza, ha illustrato a tutti i tecnici presenti le nuove linee guida che regolamenteranno la disciplina in ASI per il prossimo quadriennio olimpico.

Grandi interesse è stato dimostrato per il programma tecnico giovanile, vero fiore all’occhiello dell’ente, che ha ricevuto un formale riconoscimento da parte della WKF, la federazione mondiale ufficiale, la quale ha fatto proprie alcune metodologie tecniche suggerite da ASI inserendole nel proprio regolamento per le gare riservate alle categorie giovanili.

Con questo congresso sono state inoltre chiarite tutte le procedure necessarie per il riconoscimento dei gradi e delle qualifiche ottenute presso altri Enti od organizzazioni sportive.

Il responsabile di settore si è detto pronto ad accogliere tutti coloro che si riconoscono nei valori promossi da ASI e nei programmi tecnici presentati.

 

Appuntamento Venice Cup 2017

Vardiero ha poi invitato tutti i presenti a promuovere la partecipazione alla 26.ma Venice Cup, evento ASI in calendario ufficiale federale ed europeo, in programma a Caorle (Venezia) il prossimo 17,18 e 19 novembre, che prevede la presenza di oltre 1.600 atleti e che è considerata la gara internazionale più prestigioso a livello europeo.