Avellino, Piazza Libertà. Un picchetto per sensibilizzare le Istituzioni nei confronti delle chiusure dei centri sportivi

05 Nov 2020 | Redazione web ASI
Istituzionale

Presidio congiunto, sabato 7 novembre 2020, ore 11:00,  Comitato Provinciale ENDAS Avellino e Comitato Zonale Caserta-Benevento-Avellino di ASI.

I comitati di ENDAS ed ASI, intendono manifestare il proprio dissenso a nome di tutto i movimento  sportivo nei confronti del DPCM del 24/10 che impone la chiusura di palestre e piscine al fine di ridurre il pericolo di contagio da Covid 19. Tale Decreto è l’ennesimo atto lesivo nei confronti di un settore socio economico che annovera migliaia di professionisti operativi e milioni di praticanti su tutto il territorio Nazionale. 

Gli organizzatori del presidio, Ettore de Conciliis Presidente Comitato Zonale ASI Caserta-Benevento-Avellino e Gianluca Esposito, Presidente Provinciale ENDAS Avellino e Vicepresidente Nazionale ENDAS, intendono stigmatizzare anche la mancanza di direttive chiare da parte degli organi preposti che spesso emanano Decreti e divieti contraddittori gli un con gli atri e che finiscono con il generare confusione in un momento particolarmente delicato come quello che  stiamo vivendo: 
1) DPCM del 18.10.20 - SI ai campionati Regionali, NO ai Provinciali, SI ad allenamenti seppur in modalità individuale;
2) DPCM del 24.10.20 - NO ai campionati Regionali, SI ad allenamenti seppur in modalità individuale;
3) Dichiarazione Ministro Sport del 26.10.20 - NO ai campionati Regionali, SI ad allenamenti seppur in modalità individuale;
4) Circolare Ministero degli Interni del 27.10.20 (o Infermi) NO ad allenamenti neppure in modalità individuale
5) “Question Time” Camera dei Deputati del 28.10.20, CONTE: NO ai campionati, SI ad allenamenti ma solo in modalità individuale.

Venerdì mattina 16 ottobre sport e salute ha emanato un protocollo "lo sport continua in sicurezza". Sabato notte lo stesso governo spegne lo sport. In questa guerra invisibile e silenziosa non ci si può dimenticare che studi scientifici sempre più numerosi evidenziano una positiva influenza dell’attività fisica praticata con costanza e regolarità sul sistema immunitario grazie a un’azione protettiva. Perché, praticata con la giusta durata e la giusta intensità, l’attività fisica aiuta a migliorare la risposta immunitaria. Chi si dedica ad una regolare attività fisica corre un rischio molto basso di contrarre infezioni o di esporsi a contagi rispetto ai soggetti sedentari.

Prenderà parte all’evento anche  Giovanni Esposito, Coordinatore Regione Campania del MID (Movimento Italiano Disabili), che ha ben compreso l’importanza dello Sport a supporto delle persone con disabilità e la assoluta necessità di non interrompere percorsi sportivi di riabilitazione terapeutica.