ASI e Fitness Network Italia: al via le iniziative legate al Progetto Gappa (Global Action Plan on Physical Activity)

01 Lug 2019 | Redazione web ASI
Istituzionale

Il nostro Ente e Fitness Network Italia, sono pronte a dare il via alle iniziative previste per il Progetto GAPPA. Un progetto che ha già visto protagonisti i due soggetti che hanno rappresentato l'Italia e il mondo dello sport a Ginevra per il vertice mondiale della World Health Organization intervenendo ai summit di dicembre 2018 e febbraio 2019 dove sono stati approfonditi i temi legati al "GAPPA-Global Action Plan on Physical Activity 2018-2030", piano di azione globale sull'attività fisica approvato e lanciato, a maggio 2018, con la campagna Let’s Be Active dal massimo organismo sanitario mondiale. L'OMS ha, di fatto, assecondato il desiderio delle varie nazioni di avere nuove linee guida in grado di migliorare la quantità e la qualità dell’attività fisica presso tutta la popolazione.

Gli obiettivi si prefiggono come scopo comune quello di costruire una società connotata da uno stile di vita sempre più attivo e salutare poiché è dimostrato che un'attività fisica regolare aiuta a prevenire le malattie non trasmissibili (NCD) oltre all’ipertensione, il sovrappeso e l’obesità, senza tralasciare il positivo impatto sulla salute mentale, sulla qualità della vita e sul benessere. Eppure, in alcuni paesi, i livelli di inattività raggiungono percentuali del 70% e la mancata azione per aumentare i livelli di attività fisica vedrà salire i costi, con impatti negativi sulla salute, sull’ambiente e sullo sviluppo economico.

L’Oms si è prefissata 4 obiettivi strategici da raggiungere nei prossimi anni a cui sono collegate una serie di politiche (per un totale di 20) concepite tenendo conto delle peculiarità dei singoli Paesi.
In sintesi, gli obiettivi si prefiggono come scopo comune quello di costruire una società connotata da uno stile di vita sempre più attivo e salutare.



Alla presenza del Segretario Generale alle Nazioni Unite per l’OMS Nicholas Banatvala e la Responsabile del Programma GAPPA, Fiona Bull, il Ceo di Fitness Italia Network e rappresentante di ASI per il progetto, Andrea Pambianchi, è stato a dicembre tra i 12 delegati internazionali convocati al vertice di Ginevra "Dove - spiega Pambianchi - abbiamo discusso tra gli altri del ruolo e del contributo della Sport Industry per il raggiungimento degli obiettivi strategici del progetto".

"Il piano d’azione è stato sviluppato dall’OMS attraverso un processo di consultazione a livello mondiale che coinvolge i governi e le principali parti interessate in diversi settori, tra cui salute, sport, trasporti, progettazione urbana, società civile, mondo accademico e settore privato. Molteplici sono gli obiettivi di questo importante incontro: esplorare le opportunità ed i meccanismi per un dialogo strutturato tra l’OMS e gli stakeholders della Sport Industry in ogni nazione; approfondire come la Sport Industry possa contribuire all’implementazione del GAPPA; dare l’avvio ai lavori per la realizzazione dell’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile 2018-2030"


 


GAPPA-Global Action Plan on Physical Activity 2018-2030
Quattro azioni per un benessere globale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato, ad inizio agosto, il primo Piano d’azione globale per promuovere l’attività fisica, il “Global action plan on physical activity 2018–2030: more active people for a healthier world”. La pubblicazione ha lo scopo di aiutare le nazioni ad avere nuove linee guida in grado di migliorare la quantità e la qualità dell’attività fisica di tutta la popolazione.
 


Il documento è strutturato in 4 obiettivi strategici: Active society; Active environments; Active people; Active systems. 

Active society
Costruire società attive (norme e comportamenti sociali)
Promuovere un cambio di paradigma in tutta la società attraverso l’informazione completa e incisiva, lo scambio delle conoscenze, e la maggior consapevolezza, sui molteplici benefici dell’attività fisica praticata con costanza, in base alle capacità di ciascun individuo, per tutte le età. 

Active environments
Costruire ambienti di vita attivi (spazi e luoghi)
Realizzare e mantenere spazi e luoghi che permettano a tutte le persone - di ogni età e status socio-economico - di accedere a luoghi e spazi sicuri nelle loro città e comunità, dove poter fare attività fisica regolarmente, in base alle proprie capacità. 

Active people
Promuovere stili di vita attivi (programmi e opportunità)
Progettare e proporre, in più contesti (scuola, lavoro, comunità,..) programmi e opportunità, adatti alle diverse esigenze di vita e di età, per incoraggiare individui, famiglie e i gruppi più a rischio di inattività fisica, a sperimentarsi in stili di vita attivi e a consolidarli.  

Active systems
Orientare i sistemi di governo alla promozione dell’attività fisica e della salute (leve politiche e di governo)
Garantire gli investimenti necessari per rafforzare il lavoro di gestione e di coordinamento di azioni efficaci di promozione dell’attività fisica; lavoro definito a livello internazionale, nazionale e locale. Questo obiettivo riguarda principalmente la governance, la leadership, le partnership intersettoriali, le azioni di advocacy, i sistemi informativi, gli strumenti di finanziamento tra settori diversi. 
 
 
[  F.Argentini  ]
 


 

Potrebbe interessarti anche: