La storia

E' l'aprile del 1994 quando una parte dei dirigenti sportivi del Centro Nazionale Sportivo Fiamma, associazione fondata nel 1948 da appartenenti al movimento giovanile la Giovane Italia, danno vita ad Alleanza Sportiva Italiana nell'Assemblea costituente di Latina.

Trascorrono pochi mesi (luglio 1994) e il nuovo soggetto ottiene da parte del CONI il riconoscimento di Ente di Promozione Sportiva.

Quest'importante titolo è accompagnato da una crescita costante e progressiva sul territorio nazionale realizzata sia attraverso la formazione di Comitati regionali e provinciali, sia con la strutturazione dei settori tecnici nelle principali discipline sportive. Ancora oggi questi soggetti rappresentano il cuore dell'attività dell'Ente.

Il succedersi delle Assemblee nazionali di Vasto nel 1995, Roma nel 1997, Rimini nel 1999, Trevi nell'aprile del 2003, Viterbo nel febbraio 2007 e Roma aprile 2009 consolidano la struttura e gli obiettivi dell'Ente.

Nell'ultima Assemblea Nazionale (Montesilvano, 15-16 dicembre 2012) alla guida di ASI è stato confermato Claudio Barbaro, mentre è stato modificato il nome dell'Ente (mantenendo però invariato l'acronimo): ASI, già Alleanza Sportiva Italiana, è diventata Associazioni Sportive e Sociali Italiane. Il cambiamento di denominazione è stato voluto per descrivere meglio l’identità, la vocazione sportiva e sociale e l’ambito di operatività dell’Ente che, oggi come ieri, si distingue anche per una consolidata organicità rispetto alle politiche del CONI e per un atteggiamento propositivo e costruttivo nei confronti del massimo organo di governo dello sport italiano.