Ordine pubblico priorita’ e costi a carico dei club

11 Apr 2013
Istituzionale
 

“Le riflessioni fatte oggi a Sky Tg24 dal Prefetto della Capitale Giuseppe Pecoraro a seguito di quanto accaduto nel derby di lunedì scorso sono pienamente condivisibili. Lo sostengo da tempo: non solo non si può piegare la necessità dell’ordine pubblico e della sicurezza urbana a interessi commerciali, ma se si decide di farlo è quantomeno opportuno che a sostenerne il costo siano quei soggetti (i club in primis) che stabiliscono questo ordine di priorità”.

Lo afferma in una nota Claudio Barbaro, Presidente ASI (Associazioni sportive e sociali italiane) e relatore alla Camera nella precedente legislatura della legge conosciuta come legge stadi.

 

“Sarebbe una soluzione di buon senso e non certo punitiva, ispirata al principio di responsabilizzazione dei club e di chi organizza le manifestazioni sportive, cui accompagnare un maggior coinvolgimento delle forze dell’ordine pubblico nella fase di pianificazione e programmazione delle stesse” 


conclude Barbaro.